Guardie e ladri

Cane lupo Cecoslovacco da guardia

Io ed il vostro allevatore di fiducia, Marco Bruciati, ci siamo riuniti e abbiamo fatto uscire il coniglio dal cilindro! Affronteremo l’argomento “Il cane lupo Cecoslovacco come cane da guardia”…..bhè il titolo evoca no?

Cane lupo Cecoslovacco non adatto alla guardia?

Mi sono messo all’opera e, fatto alcune ricerche sulla rete. con mia grande sorpresa, la maggior parte degli articoli e commenti trovati, descrive come non adatto il CLC alla guardia; motivazione? Diffidenza e paura! Bene, ottimo…..immagino che chiunque di voi abbia fatto questa ricerca su internet si sia fatto questa idea.
Sono, per inclinazione personale, se non professionale, uno sperimentatore, quindi vi propongo un esperimento:
venite a casa mia, vi presentate al cancello e, senza annunciarvi, scavalcatelo. Ho due lupi Cecoslovacchi, un maschio e una femmina, coadiuvati da un simpaticissimo Cockerino tutto nero che saranno felicissimi di prendere parte ad un esperimento scientifico sifatto!

Avrete l’occasione di sperimentare che la cosa non è poi così rispondente alla realtà. Se rimarrete vivi, cosa che dubito fortemente, potrete pubblicare i risultati dell’esperimento in varie riviste di cinofilia, i contatti li prendo io quando avrò finito di riorganizzare i vostri pezzi eventualmente sparsi per il giardino.
Se non vi va di uscire in comode rate dalla mia (e sfortunatamente anche loro) proprietà; non vi rimane altro che fidarvi di queste poche righe che mi appresto a produrre.

Comportamento del Cane lupo Cecoslovacco nel suo ambiente naturale

Partiamo, come sempre, dal significato etologico. La vicinanza con il lupo che questi esemplari hanno, fa si che il loro comportamento ricopra e ricalchi quello che, per significato verrebbe applicato in ambiente naturale e cioè la difesa del territorio e del branco. Questo sta a dire che, nel caso di necessità, il CLC sarà perfettamente in grado di essere un deterrente e, organizzare una difesa del territorio e del branco, lo farebbero bene anzi benissimo, e oserei, in maniera organizzata e strategica. In più individui, hanno insito nel loro Dna l’adozione di strategie di caccia proprie del lupo.
Fin qui tutto bene, abbiamo un’idea e la visione scientifica a supporto. Ci dobbiamo però fermare e analizzare varie sfaccettature della cosa perché se pur semplice concettualmente, non è affatto così realmente.

Perché il cane lupo Cecoslovacco viene definito inadatto alla guardia?

Le risposte possono essere diverse e, anche se, per quanto sopra esposto, in prima analisi contraddittorie, esse hanno in se un fondamento.
Tutti gli animali selvatici in presenza di una minaccia, tendono alla fuga come prima soluzione.
Il lupo Cecoslovacco, portando con se un comportamento definito arcaico, cioè per alcuni aspetti ancora abbastanza selvaggio, non fa eccezione. Tradotto: se può scappa!

Questo è in generale vero in territori neutri e, in assoluto quando si trova in solitudine, non supportato più dal branco, o quello che egli ritiene tale e cioè noi.
A prima vista quindi, se si incontra un CLC libero per la strada, ad esempio, sarà difficilissimo avvicinarlo, mai pericolosi, al contrario manifesteranno sempre la tendenza a mettere più strada possibile rispetto a coloro che proveranno ad avere una qualsiasi interazione con lui.

Provate a farlo con altre razze e vi accorgerete che le risposte saranno le più disparate. Dalle feste all’aggressione. Qualcuno scapperà anche, ma poi tenderà a fermarsi e domandarsi che intenzione avete. Risposte si eterogenee ma, risposte! In ogni caso una qualche interazione. La derivazione? Tutta umana! Il cane è intrinsecamente legato all’uomo, nel bene o nel male sa come comportarsi. Il legame con l’uomo (che non sia colui con cui vive) del Cane lupo Cecoslovacco va da un po di meno a molto di meno e, per non rischiare, semplicemente evita. Nell’accezione più intrinseca del termine se la fa a dosso! Ora conoscendolo poco o per niente vi fareste mai un cane da guardia che ha paura? La risposta è: no!

Quindi è davvero inadatto?

Quindi, viste le caratteristiche, di tutta l’erba un fascio, si decide che egli non è adatto a questo compito…..se non fosse che nel SUO territorio la cosa è destinata a cambiare profondamente.

Come tutti i cani e, anche se con caratteristiche arcaiche comunque il Cecoslovacco, è pur sempre un cane, egli è territoriale e, come gli altri, non vede di buon occhio intrusioni di sconosciuti, siano essi animali o umani, nel suo territorio. Se, un’intrusione si accorda anche con una potenziale minaccia al suo branco, il CLC si trasforma in una macchina da guerra perfetta.

Non si scaglia mai abbaiando in piena crisi isterica contro la recinzione del giardino, come farebbe un Rottweiler, un Pastore Tedesco o un Perro de Presa Canario, molti rimangono persino in silenzio, scostandosi dalla rete e indietreggiando, cosa che aiutò molto i non conoscitori della razza a catalogarla come poco adatta alla guardia. E’ una strategia! si mette in posizione tale da non poter essere preso alle spalle, in quel modo rimane finché la minaccia non sarà passata. Questo succede se non siete in casa, se lo siete, al contrario minaccerà con più convinzione abbaiando o qualcosa di simile all’abbaio, visto che gli riesce più facile ululare.

Se un malintenzionato volesse comunque scavalcare, e provare se veramente c’è qualcosa dopo la morte, molto probabilmente il Cecoslovacco lo farebbe persino entrare, indietreggerebbe per avere le spalle coperte e, aspetterebbe il momento migliore per attaccare, molti neanche verrebbero visti perché nascosti……lo rimarrebbero però per poco, palesandosi come Belfagor appena saranno sicuri di produrre il massimo danno con il minimo rischio.

CLC: arma non convenzionale

Un attacco di uno di questi esemplari è quanto di più letale si possa immaginare. Potenti e agilissimi, posseggono una dentatura devastante, capace oltre che di lacerare la carne, di rompere ossa. I canini inferiori (i meno sviluppati) sono pari ma talvolta più grandi e più lunghi dei superiori di qualsiasi altra razza di cane, i superiori non sono classificabili nel novero dei denti ma delle vere e proprie armi bianche (la mia femmina ne ha un paio da 3 cm e mezzo da fare tremare le vene ai polsi). Siamo sicuri che non sono capaci? Io ci andrei piano.

CLC da guardia e cinofilia

Prendiamo ora in esame il significato cinofilo: non è un cane da guardia in cinofilia, ha un significato che va al di là delle caratteristiche comportamentali del cane, non vuole dire che non saprebbe fare la guardia ma, diversamente, che non è adatto a stare da solo in un giardino a presidiare il territorio.

Questa cosa è la meno compresa dai neofiti proprietari di cani. Avere un aspetto minaccioso non è sinonimo di capacità da guardiana, mettere un Cane lupo Cecoslovacco in giardino da solo a fare la sentinella, equivarrebbe alla volontà di ritrovarsi con un cane squilibrato ed insoddisfatto e, presto o tardi questo tipo di ignoranza presenta il conto. Il Dogo Argentino, è un’altro cane non adatto alla guardiana, al pari del lupo Cecoslovacco ha bisogno di correre per lunghe distanze, è un cane selezionato per cacciare, come il Cecoslovacco a percorrere lunghe distanze, al fianco del proprio umano per pattugliare un territorio. Movimento! Sono nati per questo.

Messi in una gabbia, più o meno grande, perché è questo quello che è un giardino per loro, solo una gabbia più grande, essi perdono il contatto con il proprio branco e le sue regole sociali. Le convenzioni ed i compromessi scendono ed al pari crescono noia ed aggressività……quante volte abbiamo letto di cani che improvvisamente hanno attaccato i propri padroni o peggio i figli di questi e, alcune volte purtroppo, con esiti fatali? Negli ultimi mesi davvero troppe volte.
Per questo dei buoni cinofili, affermano che il CLC non è un cane da guardia, ma non si sognerebbero mai di dire che non è adatto a farla. Capita la differenza?

Non è cosa da poco in realtà, differenza sostanziale! Non si può costringere un cane con determinate caratteristiche a fare un lavoro per il quale non è stato selezionato, però non si può neanche azzardare, al contrario, nell’affermare che non SA farlo.
I Segugi ed i Bloodhound sono stati selezionati per seguire tracce olfattive ed impiegati in compiti di ricerca dispersi e protezione civile, ma ogni cane è capace a farlo, non con i risultati di questi sicuramente ma, certamente capaci.

CLC e sonni tranquilli

Personalmente penso che, avendo una intelligenza davvero superiore ed essendo cani sensibilissimi, al momento del bisogno, essi siano perfettamente in grado di opporsi ad una qualsiasi violazione del loro territorio. Non abbaiano (altra motivazione per la quale essi sono considerati poco adatti a compiti di difesa di proprietà private). Un male? Essere svegliati in piena notte da qualsiasi rumore essi giudichino una potenziale violazione?….Sicuri sicuri? Di rumori strani ce ne sono tanti e, non tutti percepibili dall’orecchio umano.

Chi possiede cani da guardia e li tiene in giardino sa a cosa mi riferisco: basta una brezza che faccia muovere un po più le foglie degli alberi per scatenare il putiferio. Conosco gente che va al lavoro ridotta come stracci perché “il cane ha abbaiato tutta la notte chi sa con chi ce l’aveva?” con tutto!! Poi arriva la volta che entrano in garage ti fregano la macchina e…..”che palle ce l’avrà con il gatto della sciuramaria” e ti fregano la macchina. Questione di gusti. Io preferisco il Cecoslovacco che non abbaia, ma che se si tira in piedi e sbuffando corre verso la porta alle 2 di notte mi fa capire che la fuori qualcosa che non va c’è davvero.

Concludendo, va bene che non sono stati selezionati per la guardia stretta ma, vi assicuro che, in casa mia dormiamo sonni tranquilli.
Vi lascio con quanto si legge sul cartello appeso sul cancello fuori della nostra proprietà:
QUESTA CASA E’ PROTETTA DA DUE LUPI CECOSLOVACCHI!
SE LA DOMANDA CHE VI FATE E’ SE C’E’ QUALCOSA OLTRE LA MORTE O QUALSIASI ALTRA CHIAMATA DIO, SCAVALCATE QUESTO CANCELLO E AVRETE LA RISPOSTA

M.G.

Marco Bruciati

Posted by
Marco Bruciati